Il più grande ostacolo nello stabilire chi fu l’inventore del primo hamburger è la scarsità di fonti scritte e, quelle che ci sono, non sono verificabili con certezza o completamente attendibili. Uno delle ultime persone accreditate è Oscar Bilby. Il giornalista Wallis nel 1995 scrisse un articolo nel quale si raccontava che Oscar Weber Bilby era la stata prima persona, nel lontano 1891, a servire il vero hamburger negli Stati Uniti, sul panino al latte fatto dalla moglie. Oscar Weber Bilby si traferì in Oklahoma, con la moglie Fanny, negli anni ’80 dell’Ottocento. La coppia si stabilì vicino alla comunità di Bowden, nei pressi di Tulsa, dove acquistò un terreno, costruì una casa e allevò alcuni bovini e alcuni maiali. Racconta Harold Bilby, il nipote di Harold, a Michael Wallis: “Il nonno stesso mi disse che era il giugno del 1891 quando prese un pezzo di ferro e si costruì da solo una grossa griglia. Il mese successivo, il 4 luglio, accese un fuoco di legna di noce sotto quella griglia e, quando quei carboni divennero ardenti, prese un po’ di carne di Angus macinata e iniziò a cuocere una grossa quantità di hamburger. Quando furono ben cotti e succosi, li mise nei bun (panini dolci rotondi) preparati in casa da mia nonna Fann. Fu un successo Nel giugno del 1933, Oscar e il figlio Leo aprirono7h il loro primo locale di hamburger, dove Harold iniziò a lavorare qualche anno dopo, lavando le tazze   8h Ancora oggi, due dei quattro figli di Harold, Rick e Mike, gestiscono il locale cuocendo gli hamburger sulla griglia originale di Oscar del 1891.